Il magico colore di Antonio Nicolò “Astra”

LOCANDINAIl magico colore di Antonio Nicolò “Astra”
Personale dell’artista all’Accademia Art Gallery
Reggio Calabria, 6 maggio – 27 giugno

Essenziale, potente il reggino Antonio Nicolò è artista raffinato tutto proteso ad indagare il colore e l’essenza della forma.
Dal 6 maggio al 27 Giugno l’Artista è presente all’Accademia Art Gallery di Filippo Cogliandro con la sua personale curata da Elmar Elisabetta Marcianò.
Arte e cibo hanno sempre costituito un connubio importante e reciprocamente costruttivo. Un’artista si mostra attraverso diversi linguaggi che vanno da quelli del corpo al costume passando per la pittura e le arti figurative, spesso messi in relazione 43con la costruzione di installazioni e performance abbinate al cibo, legate dalla fantasia.
E così l’artista, come lo chef, crea nuovi stili attingendo, con la fantasia e la memoria,  a culture diverse, combinando colori, osando abbinamenti differenti, sperimentando nuovi linguaggi. In bilico tra tradizione e modernità ogni opera ogni piatto, ogni ricetta hanno  forme nuove che ci permetteno di vedere la nostra quotidianità con occhi diversi. Sempre diversi. Sempre curiosi. Perché essere curiosi di conoscere e sperimentare è il fulcro della nostra esistenza.
La ricerca dell’artista Antonio Nicolò insiste sull’opera astratta elevandola a “profili” di altissima espressione informale; ne risulta così una pittura alter – ego del concreto non avversa alla realtà, ma essa stessa realtà definita appena lì al confine di grandi, ampie stesure di colore. Non è, perciò quella di Nicolò, una pittura che suggerisce l’idea, ma l’idea stessa accaduta in qualche passato che si fa, infine, proiezione di tanti possibili futuri, tanti quanti se ne possono intuire in quelle grandi distese di materia colorata. C’è così in essa una solennità del dipingere che offre pasti e impasti violenti e contrastanti o leggeri e soavi.
Grandi impronte guadagnate dalla materia cupa del colore si offrono allo sguardo con vigorosa forza di stesura determinando vaste superfici attraverso una concentrazione cromatica sempre maggiore in cui il rosso, il giallo e in nero dominano lucidi e irradianti. L’opera che ne risulta è sfrenata e intemperante per l’utilizzo di colori saturi e del pigmento steso con la spatola che cattura la luce accentuandone il suo emergere. Toni 2gialli e aranciati espressione della potenza luminosa e il blu più profondo per “velare” l’istinto. Il colore pare respirare sulla tela e prendere forma man mano che la mano dell’artista procede forte e sicura.
Dunque, energia di massa in sintonia con la resa di uno spazio pulsante in cui il coinvolgimento sensoriale è totale, l’empatia sedotta e conquistata dalla forza cromatica e dalla gestualità segnica che rivendica il proprio ruolo e costruisce una trama di “tocchi” che si offrono alla luce senza rinunciare a ritmi eleganti e colmi di silenzio.
L’Artista Antonio Nicolò.
Il dott. Antonio Nicolo’ è un affermato professionista reggino, medico anatomopatologo con la passione per la pittura e la scrittura dove esprime il suo interesse per l’analisi storico-mitologica greca con particolare riguardo ai poemi Omerici.
Il dottore Nicolo’ da anni si presenta nel panorama della cultura calabrese creando stupore ed attesa poiché i suoi campi di interesse riguardano da sempre le arti che si integrano tra parola ed immagine.
Non è un caso infatti che Nicolo’, come artista e scrittore, si sia occupato del viaggio interiore dell’uomo contemporaneo alla ricerca di quella radice antropologica e soprattutto esperenziale, dimostrando come la matrice magno – greca è per Nicolo’ una strada che da anni lo porta alla lettura di testi antichi ed ad una attualizzazione della storia nei suoi corsi e ricorsi.

Writer: Elmar Elisabetta Marcianò
L’A Gourmet L’Accademia Art Gallery
Via Largo Cristoforo Colombo, 6
89125 – Reggio Calabria

 

Alessandro Marinella nella classifica del magazine Forbes Italia fra i 100 Top Under 30 più influenti d’Italia

97736000000435165_zc_v3_1646325685054_forbes_marinella_feed1Alessandro Marinella nella classifica del magazine  Forbes Italia fra i 100 Top Under 30 più influenti d’Italia

I bravi ragazzi italiani che con le loro idee visionarie stanno contribuendo a rivoluzionare il nostro modo di vivere con la capacità di superare le difficoltà dell’era Covid e contribuire alla ripartenza dell’economia

Forbes Italia è l’edizione italiana del business magazine più famoso al mondo che ha circa un secolo di vita. Il magazine è noto per le classifiche dei leader di oggi e di domani, le strategie per il successo, i consigli di stile per essere sempre al top. La business community globale  annovera nomi di uomini e donne di successo, nella lista 2021 degli Under 30 è stata inserita anche tanta artigianalità e Made in Italy. Con grande orgoglio per noi napoletani in nostro concittadino Alessandro Alessandro Marinella (2)Marinella, 26 anni,  si è fatto notare per la guida della storica azienda di famiglia E.Marinella, specializzata nella realizzazione di cravatte e articoli di abbigliamento di lusso, progetti digitali e sostenibili. Alessandro, nell’apprendere la notizia, ha subito dichiarato: «Durante il mio percorso lavorativo ho avuto la grande chance di imparare tanto ma la cosa per la quale mi ritengo più fortunato è quella di portare avanti un’azienda basata su valori umani e tanta tradizione. Una tradizione che va assolutamente preservata ma adattata ai tempi affinché possa perdurare e passare di generazione in generazione. Essere entrato nella classifica dei top 100 Under 30 secondo Forbes Italia, mi inorgoglisce e mi conferma che i cambiamenti che sto apportando stanno preservando la magia che ci ha portato sin qui oggi. Perché tutto rimanga com’è, bisogna che tutto cambi».
Alessandro nasce a Napoli nel 1995, dove ottiene la Laurea in Economia con la tesi sugli Alessandro Marinella (3)aspetti fondamentali dell’internazionalizzazione delle PMI. Nel 2020 consegue un master in business innovation e nel 2021 uno in gestione dell’impresa. A gennaio del 2017 entra a pieno titolo a far parte dell’Azienda, quarta generazione della famiglia, dove si occupa di aspetti organizzativi e operativi, rivolgendo particolare attenzione al mondo digital e alla comunicazione. I progetti esteri, con la recente riapertura di un nuovo store a Londra, hanno avuto un notevole impulso, specialmente quelli ecosostenibili. Il nostro ha avviato una prima collaborazione con Orange Fiber, una partnership con gli occhiali in eco-acetato di TBD Eyewear, per poi sviluppare le campagne con Citrus, nel cui marchio sono racchiusi concetti come filiera controllata, etica, attenzione al sociale e alla qualità. Alessandro nel corso del 2019 riceve due importati riconoscimenti: quello dedicato alla giovane imprenditoria dell’area metropolitana di Napoli e di Partner e Managing Director di Marchio Verificato, che promuove le eccellenze dell’agroalimentare. Chi lo conosce  lo ha sempre notato per la sua eleganza, che potremmo dire innata, cosa che gli viene riconosciuta  dal magazine Gentleman che nel 2021 lo inserisce nella classifica Top 30 Millennials fra gli uomini under 30 più eleganti d’Italia. «La cosa per cui mi ritengo più fortunato – ha riferito Alessandro Marinella –  è poter portare avanti un’azienda basata su valori umani e tanta tradizione. Una tradizione che va preservata, ma adattata ai tempi affinché possa passare di generazione in generazione». Alessandro, ripercorre le orme del padre Maurizio che spesso ricorda l’insegnamento avuto dal padre: “dobbiamo  far  capire  alla  gente  che  si  possono  fare  cose importanti, partendo da Napoli, ma principalmente restando a Napoli”.
Forbes dal 2018 premia il meglio dell’imprenditoria giovanile italiana a dimostrazione che anche in un periodo così buio come quello che stiamo vivendo, la creatività e l’ingegno non hanno subito un battuta d’arresto.

Harry di Prisco

Areadocks Boutique Hotel, Urban Spa nel cuore di Brescia

D8D0260A-CB52-D29D-CA77-716305C5CB14_Image_3_6736839b39b543ffba5697c96137de8bAreadocks Boutique Hotel, Urban Spa nel cuore di Brescia

Grazie al sapiente intervento dello Studio di architettura e interior-design Arearredo, Areadocks si amplia con l’apertura di Areadocks Boutique Hotel, un punto di riferimento per viaggiatori e business man, un luogo di incontro e dialogo, di esplorazione e condivisione.
Finestra sull’universo Areadocks, hub di intrattenimento e servizi, l’hotel ripensa le regole dell’ospitalità Premium, aprendo a infinite possibilità di shopping, divertimento e relax. Situato a Brescia, prossima capitale italiana della cultura nel 2023, in un punto strategico per turismo ed entertainment, l’hotel propone una nuova filosofia di ospitalità, intesa prima di tutto come esperienza.

D69EE46A-B84A-84EC-3BE3-215D5326E218_Image_7_253ec6b4b92a49aea31d08e977c17084A disposizione della clientela room esclusive, Superior e Suites, ognuna con un proprio stile di carattere, non convenzionale ed una prestigiosa Urban Spa, dove comfort e design si fondono in un ambiente elegante in cui dimenticare lo stress della città.
Uno spazio – ad uso esclusivo della struttura – dedicato al benessere, il luogo ideale per vivere un’esperienza di rigenerazione totalizzante.
Vasche idromassaggio open-air, sauna, bagno turco, docce emozionali per usufruire dei benefici della cromoterapia e una zona relax per allontanarsi dalla frenesia della vita quotidiana sorseggiando pregiate selezioni di thè e tisane.
La SPA è gratuita e utilizzabile per uso privato dai clienti dell’hotel previa prenotazione oppure consultando i servizi di Private SPA day use.

0B6C8939-FB42-20DE-D7FD-936DA01A0961_Image_4_26937c3e450b4d75b4297c536effdd50Per info e richiesta materiali in alta risoluzione: joelle@studiojiti.com
Press Office JìTì PR&Communication Studio
JOËLLE F. TAMBONE | m +39 3280228906 |
joelle@studiojiti.com
studiojiti.com

Finalmente primavera

FANFANI 2(1)Finalmente primavera

I consigli di  Patrizia Pellegrini Naturopata, Bioterapeuta Nutrizionale® all’Istituto Fanfani il 13 aprile ore 18.00

Grida  festose, strillate, sono riapparse le rondini, non si vedevano da tempo, cantano volando, felici, dopo un lungo periodo di freddo dato dall’inverno, ma anche dalla pandemia, dalla guerra vicina, un gelo che ha sospeso il cuore a tutti noi. Ma le rondini ci portano coraggio, speranza, voglia di vivere e di sorridere di nuovo, di guardarci allo specchio e vederci belle.

L’acqua è il “carburante” che permette allo stomaco di trasformare il cibo in energia e aiuta il corpo ad assorbire i giusti nutrienti. Insomma… bere fa bene alla salute!

L’acqua è coinvolta in tutte le fasi corporee, perchè veicola nutrienti e ormoni attraverso la circolazione sanguigna. Bere tanta acqua, meglio se depurata, aiuta il trasporto dell’anidride carbonica e delle tossine ai polmoni, al tratto intestinale e ai reni per essere successivamente espulsa. L’acqua ci aiuta a digerire e assorbire il cibo, regola la temperatura corporea, elimina le tossine ed i rifiuti tossici, il grasso che si sta bruciando, fa circolare il sangue, protegge i tessuti, organi e articolazioni e trasporta sostanze nutritive e ossigeno alle nostre cellule, è l’elemento  importantissimo per il funzionamento di organi fondamentali come cervello, polmoni, sangue e anche per i muscoli e la pelle.
72807733_1163960170461070_4137506819901751296_nSoddisfare il fabbisogno idrico dell’organismo è una necessità quotidiana irrinunciabile. Tra i vari fattori che concorrono positivamente al raggiungimento di uno stato di salute ottimale, un posto di primaria importanza, tra quelli nutrizionali, spetta all’idratazione e al corretto equilibrio tra i vari compartimenti idrici dell’organismo. Se non fosse per le ossa e la carne che costituiscono il nostro corpo, potremmo affermare di essere fatti di acqua: difatti l’acqua compone circa il 70 per cento del nostro organismo, più della metà dunque. Da qui si comprende come questo elemento sia un nutriente essenziale per il nostro organismo. Sebbene non fornisca energia rappresenta un elemento fondamentale, necessario a soddisfare le necessità fisiologiche e nutrizionali degli esseri umani.
In questa stagione, per molti mesi, i fiori più belli del nostro giardino li abbiamo a portata di mano,  Asparagi, Barbabietole, Carciofi, Carote, Cavoli , Cicoria, Cipolle, Fagioli, Fagiolini, Fave, Finocchi, Lattuga, Melanzane, Patate, Piselli, Pomodori, Ravanelli, Rucola, Sedano, Spinaci, Zucchine……..si raccolgono nell’orto, ricchi di vitamine e sali minerali e oligoelementi essenziali, hanno proprietà nutrizionali notevoli.
Dal crudo al cotto possono essere consumati con diversi metodi: bollitura, cottura al 275513376_10223228554195108_1648902587483586385_nvapore, alla piastra, gratinati oppure fritti…ma se vogliamo far scorta di acqua consumiamone ad ogni pasto una ricca quantità crude, condite con olio e limone.
Con l’aumentare delle temperature, come d’estate, un adeguato apporto di acqua è essenziale per molte funzioni dell’organismo. Ad esempio con l’acqua ci riforniamo di sali minerali e altri nutrienti, diluiamo il cibo nella fase digestiva e eliminiamo le scorie del metabolismo, regoliamo meglio la temperatura del corpo.
La quantità di acqua necessaria dipende anche da quanta ne perdiamo ogni giorno attraverso il sudore e la “perspiratio”, l’evaporazione di acqua attraverso la cute e la bocca (fino a un litro al giorno per un adulto), oltre a ciò che si disperde con l’urina e le feci (un litro e mezzo). Con il calore dell’ambiente come nel periodo estivo e del corpo, ad esempio in caso di sforzo fisico o di febbre, aumenta la quantità di liquidi persi.
Tutto ciò che ingeriamo, il nostro organismo lo utilizza per costruire se stesso. Siamo il cibo che mangiamo, l’aria che respiriamo e soprattutto l’acqua che beviamo. Per gli anziani, che avvertono meno lo stimolo della sete, è importante non aspettare di sentire il bisogno di bere, ma tenere sotto mano con una certa regolarità una bottiglia di acqua.
Studi Fanfani – Istituto Fanfani
Firenze – Piazza Indipendenza
Patrizia Pellegrini, Naturopata, Bioterapeuta Nutrizionale®
MAIL: mail.patriziapellegrini@gmail.com- cell 3339995532
www.patriziapellegrini.com

Tra i protagonisti della mostra WOW a Villa Bertelli di Forte dei Marmi anche Mario Vespasiani

IMG_7402Tra i protagonisti della mostra WOW a Villa Bertelli di Forte dei Marmi anche Mario Vespasiani

Fino al 31 maggio 2022

WOW c’è anche Mario Vespasiani nella mostra a Forte dei Marmi

L’artista Mario Vespasiani sarà tra i protagonisti della mostra intitolata WOW, con un acquerello commissionato espressamente dal curatore, nel quale è stato chiamato a rappresentare uno dei maggiori innovatori dell’arte del secondo ‘900. Se Vespasiani è conosciuto per la sua abilità di ritrattista e nella particolarissima ricerca cromatica, non bisogna dimenticare il valore simbolico che assumono i suoi soggetti, raffigurati dentro una sorta di riflesso acquatico dal quale scompaiono gli occhi.

Per Vespasiani l’assenza di questo elemento indica la necessità di una visione multipla, non solo fisica e sensoriale ma anche interiore e meditativa. Al primo sguardo, diretto nella parte sottostante sembra riflettersi il suo doppio ad indicare che niente è come sembra, che la realtà è molto più vasta e complessa delle definizioni estetiche. A questo concetto l’artista ha elaborato nell’ultimo biennio un ciclo di opere – dal notevole valore sociale – in memoria dei grandi personaggi della cultura scomparsi di recente, come a sottolineare il lascito eterno delle buone azioni, che supera la vita stessa.

Fin dagli esordi Vespasiani ha colto un sentimento spirituale nella sua arte e i ritratti, che siano di persone viventi o meno, reali o immaginari, sottolineano la presenza di un’anima personale invisibile che si intreccia con le altre, fino a quella del pianeta sul quale viviamo e di conseguenza con quella universale. Il ritratto esposto nella mostra WOW prosegue tale indagine, che questa volta riguarda un artista che ha rivoluzionato l’arte contemporanea, Andy Warhol. Un maestro caro a Vespasiani – di cui conserva come ricordo un catalogo autografato – non tanto per la totale diversità di approccio al mezzo pittorico, quanto per l’indole visionaria, comune ad entrambi, di chi sa scorgere la bellezza e la meraviglia nel quotidiano.

IMG_8514Warhol con una facilità disarmante ha colto e anticipato le tendenze di una società che si può definire dello spettacolo, fondata sulla comunicazione e sulla velocità, sull’apparenza e sulla celebrità. Se Picasso è stato nell’evoluzione della pittura il genio assoluto, Warhol lo è stato dei media, svelando un’arte condivisibile e comprensibile da tutti. Di fatto persino gli oggetti di uso comune che lui toccava, come le banconote e le scatole di zuppa sono riuscite ad assumere un altro aspetto, come quello di colui che sa sbalordirsi continuamente, in WOW!!! infinito.

Mario Vespasiani è uno degli artisti più enigmatici e misteriosi della scena artistica italiana, capace di adattare la propria immagine a molteplici situazioni e ai momenti storici più vari, vive nella totale riservatezza e non appare volentieri in pubblico, si svela bensì solo attraverso delle sorprendenti fotografie  –  spesso in compagnia della sua musa Mara – in quanto ritiene che sia solo l’arte a dover parlare dei suoi pensieri e delle sue conquiste.

In questa concentrata e ricercata esposizione collettiva di Villa Bertelli, che si aprirà lunedì 21 febbraio a cura di Alessio Musella, direttore ed editore d’arte, gli altri artisti presenti sono Blub l’arte sa nuotare, Sandra Menoia, Tiziana Stocco, Mauro Moriconi, Anna Nazarova, Silver Plachesi, Gianna Amendola, Andrea Grieco, Eugenio Rattà, Bianca Beghin, Enrico Cecotto e Dropsy.

La parola WOW – riassume in sintesi il curatore – null’altro è se non l’espressione di stupore più comune di fronte a qualcosa che colpisce, quando, davanti ad un’opera d’arte, la ragione lascia il posto alle emozioni e reagisce di cuore e di istinto. Per questa mostra conclude Musella abbiamo scelto artisti capaci di dialogare con i colori forti, dato che da sempre il colore è l’elemento visivo fondamentale e più facilmente assimilabile, richiama forme e parole e permette di evocare il ricordo. L’obiettivo è quello di tramettere un’esperienza raffinata e inaspettata, nella gioia di – tornare a – vivere davvero.

Una delle caratteristiche che contraddistingue gli artisti è la sperimentazione di diverse tecniche: dalle fotografie del digital artist Mauro Moriconi, ai collage di Eugenio Rattà, passando dall’acrilico di Sandra Menoia, ai materiali riciclati di Silver Plachesi o l’art toy in resina di Dropsy. Artisti accumunati da un unico comun denominatore: parlare un linguaggio universale. Si tratta perciò di una mostra che incuriosirà anche i più piccini, stimolandoli al contatto diretto e alla meraviglia di questo mondo.

WOW
a cura di Alessio Musella

Mostra collettiva
Sala Treccani di Villa Bertelli
Forte dei Marmi (LU)
Apertura: da lunedì 21 febbraio al 31 Maggio 2022

La visita avviene su prenotazione al numero: 0584-787251
Orari di apertura 10,00 alle 12,15 e dalle 15,00 alle 19,00

Partner
Exit Urban Magazine, Spazio SV – Centro espositivo San Vidal Venezia, Art & Investments, Villa Bertelli, SC Web Agency, Art & Shop

Ammorbidenti microincapsulati Tester Angi

279136861_682455396165190_7877963234269341042_nFior di loto,, fiori d’acqua , fiori di oriente Aloe , queste le profumazioni degli ammorbidenti della linea Supreme che ho testato e di cui ormai non potrò più farne a meno . Questi ammorbidenti sono microincapsulati , rilasciano la profumazioni anche dopo il lavaggio e persino dopo averli passati all’ asciugatrice . Quando il capo viene indossato , le microcapsule attaccate alle fibre si staccano e si aprono e rilasciano cosi il profumo piu a lungo rispetto a un semplice ammorbidente . Questi sono prodotti professionali , venduti in taniche da 5 lt e prossimamente anche disponibile da 1 lt . Va usato nella fase del risciacquo del bucato , garantisce anche Una elevata morbidezza e la dose consigliata è 40g di prodotto per 5kg Io non smetterò mai più di utilizzarli sono strepitosi , finalmente la profumazioni dell’ amato ammorbidente resta a lungo e persiste, adoro tutte e quattro profumazioni perché ogni una mi evoca piacevoli sensazioni . Questo bel prodotto non solo rende piacevole fare il bucato per la morbidezza e la profumazioni che rilascia ma è anche un piacere sensoriale . Non potete far a meno di loro una volta provati , credetemi creano dipendenza! Seguitemi perché ogni settimana vi parlerò di una profumazioni in dettaglio e intanto visitate il profilo e il sito del brand

Fare sport senza stress: no al sovrallenamento.

Cop_Calore corsa Delaunay1.inddFare sport senza stress: no al sovrallenamento.

I consigli per ritrovare energia e benessere

Nel libro Calore umano e movimento fisico. Ossigeno, alimenti e attività motoria: come sostenere la salute e prevenire le malattie l’autore Enrico Mariani, medico chirurgo specializzato in medicina dello sport e in scienza dell’alimentazione, espone i suoi preziosi consigli per ritrovare energia e benessere con attività sportive alla portata di tutti e per tutte le età.

Milano 09 Febbraio 2022 – L’attività sportiva fa sempre bene alla salute? Dipende! Basti pensare che la sindrome da “sovrallenamento” manifesta le stesse modificazioni, a livello ormonale e immunitario, della sindrome “metabolica” che caratterizza i soggetti più sedentari. E i grassi alimentari, oggi tanto criticati nell’opinione pubblica, sono davvero così nocivi? No, se inseriti nella routine alimentare in un corretto equilibrio metabolico. Questo libro affronta e chiarisce molti dubbi, ma soprattutto ci fa comprendere in che modo i nostri comportamenti (sportivi, alimentari ecc.) influiscono sul rapporto tra calore corporeo, calore degli alimenti (le calorie) e calore sviluppato dall’attività motoria.

Fare sport significa anche camminare in un parco, nuotare in un mare tranquillo, pedalare lungo un viale alberato, oppure ritrovarsi con gli amici per una partita a calcetto. Una produzione costante di calore unisce tutte queste attività motorie. Ma lo sport ha un’anima? Ogni gestualità sportiva nasconde scenari di inaspettata bellezza: il calore di un abbraccio dopo il traguardo, dopo un gol o una meta, dopo tanta fatica vissuta e condivisa fin dentro ogni fibra dei propri muscoli; il calore dell’anima può così fecondare il calore fisico e stimolare le forze di salute, contro la paura e la freddezza interiore che scatenano effetti negativi fino a livello corporeo. Un altro fattore fondamentale che vale per tutti, dal sedentario più tenace allo sportivo più accanito, è un’alimentazione sana e consapevole che favorisca e armonizzi il connubio di calore e movimento: ecco perché alimentazione e movimento fisico sono i due pilastri della nostra salute.

Alla vigilia di questa nuova primavera, che potrebbe rappresentare anche una svolta nella pandemia, ecco i consigli dell’esperto per recuperare tonicità e benessere. Spunti pratici racchiusi in Calore umano e movimento fisico. Ossigeno, alimenti e attività motoria: come sostenere la salute e prevenire le malattie (Edilibri, euro 14), un libro scientifico di facile lettura e comprensione, con regole semplici alla portata di tutti: perché esagerare non è mai la scelta migliore.

L’autore: Enrico Mariani, medico chirurgo specializzato in medicina dello sport e in scienza dell’alimentazione. Primario ospedaliero dal 1992 al 2010, è stato medico sociale di squadre di calcio professionistiche dal 1994 al 2009. È autore di pubblicazioni scientifiche inerenti a temi di alimentazione, salutogenesi e fisiologia sportiva su riviste di settore. Per Edilibri ha pubblicato, con Sergio Maria Francardo, La stagionalità degli alimenti. Nutrirsi con i cibi di stagione è la miglior medicina preventiva (2019).

EDILIBRI srl

www.edilibri.it – edilibri@edilibri.it

Tel. 0248011508

Paola Piovesana
giornalista OdG Lombardia
comunicazione aziendale, eventi e convegni,
https://www.linkedin.com/in/paolapiovesana/

Presentato “Maschere e Coriandoli” Guida ai Carnevali più belli e caratteristici d’Italia

copertina Maschere e CarnevaliPresentato  “Maschere e Coriandoli” Guida ai Carnevali più belli e
caratteristici d’Italia
L’ultimo libro del giornalista-scrittore Antonio Castello completa la trilogia delle
principali feste italiane
A  carnevale ogni scherzo vale ! Non è certo uno scherzo l’opera del giornalista-
scrittore
Antonio Castello
che dopo un anno, a causa dell’emergenza sanitaria, ha
dato alle stampe l’ultima sua fatica. Il libro “Maschere e Coriandoli” Guida ai
Carnevali più belli e caratteristici d’Italia è un nuovo libro sul Carnevale, un vero
libro/guida fra le feste carnevalesche del nostro Paese. Il volume  vede la luce dopo la
pubblicazione di due altri libri dello stesso autore sulle feste più importanti che hanno
luogo in Italia dopo quelle Religiose e le Rievocazioni Storiche. Il libro è stato
presentato nei giorni scorsi a Viterbo presso la sede della Camera di Commercio. Ad
introdurre i lavori, il Presidente della confesercenti di Viterbo,
Vincenzo Peparello
che si è soffermato sul valore che le feste hanno nel panorama turistico nazionale e
provinciale, e il Segretario Generale dell’istituzione Camerale,
Francesco Monzillo
che ha invece accennato al particolare periodo che il settore turistico sta vivendo per
via della pandemia, auspicando che l’evento possa costituire il giusto viatico per una
veloce normalizzazione. A presentare il volume sono invece intervenuti il giornalista
Giuseppe Rescifina
che, con dotta esposizione ha raccontato la storia del Carnevale,
dal periodo romano fino ai nostri giorni, e il Console del Touring Club,
Vincenzo
Ceniti
, che invece, tra aneddoti e fatti di vita vissuta come Direttore dell’Ente
Provinciale del Turismo di Viterbo, ha narrato episodi curiosi e divertenti dei cinque
Carnevali della Tuscia, descritti nel volume. Ha quindi concluso il ciclo degli
interventi l’autore, Antonio Castello, il quale ha precisato come la Guida concluda
una trilogia, iniziata con “Il Grande Almanacco dei Giorni di Festa” – Guida alle
Feste Religiose in Italia -, proseguita con “Viaggio nel Tempo” Guida alle grandi
Rievocazioni Storiche – e conclusa appunto con questa opera che offre una curiosa e
piacevole lettura sui Carnevali più belli e caratteristici che si svolgono in Italia. «
Tra
le tante manifestazioni –
ha dichiarato l’autore –
sono state evidenziate soltanto quelle
di maggiore spessore dal punto di vista storico, sociale, artistico e turistico,

realizzando una carrellata di oltre 400 eventi ritenuti da esperti, media e dallo stesso
pubblico che vi assiste, tra i più belli e rilevanti che esistano»
.
Il libro potrebbe essere definito un “vademecum”, utile per la programmazione di
visite partecipative a manifestazioni di grande interesse socio-culturale, folclorico e
spettacolare. In un tempo in cui alla pratica turistica dei grandi viaggi e dei lunghi
soggiorni, si alternano sempre più di frequente, gite ed escursioni di un weekend
(quando non addirittura di un solo giorno), questo testo propone, occasioni e
destinazioni ricche di attrattive a basso costo, entro i confini nazionali. Non tragga
tuttavia in inganno il termine “vademecum”, poiché oltre a ricordare, la guida offre
contenuti di grande interesse soprattutto sotto l’aspetto storico e culturale.
Le manifestazioni descritte, suddivise per regioni, sono tutte di autentico valore e
significato, documentate nei loro tratti salienti e meritevoli di essere vissute per
meglio conoscere l’essenza del Bel Paese. Il libro gode del patrocinio della Fiavet
(Federazione Italiana Agenzie di Viaggio e Turismo), di Assoviaggi/Confesercenti,
del Club dei “Borghi più belli d’Italia” e dell’UNPLI (Unione Nazionale Pro Loco
d’Italia). L’autore, Antonio Castello, autorevole appassionato di storia e di tradizioni
popolari, da anni collabora con riviste specializzate nel settore del turismo;
l’esperienza e la passione per la memoria nascosta del nostro paese animano
l’impressionante ricchezza di questa guida che ripercorre l’Italia regione per regione,
folclore per folclore, in una mappa estesa e dettagliata di tutte le rievocazioni più note
e conosciute, per farne occasione d’incontro e di festa in contesti ambientali che
hanno saputo conservare integri gli aspetti salienti delle loro architetture.
Il Carnevale è una festa mobile (intercorre tra l’Epifania e la vigilia del Mercoledì
delle Ceneri) che si celebra nei Paesi di tradizione cristiana ed in particolare in quelli
di rito cattolico. I festeggiamenti si svolgono sempre all’insegna della spensieratezza,
della voglia di scatenarsi, gioire, ballare, cantare e, soprattutto di mascherarsi che
rappresenta spesso il suo elemento distintivo e caratterizzante. Il titolo della guida
quindi, non poteva prescindere da questa realtà, svelando nel sottotitolo, la sua vera
natura e consistenza.
Il volume può essere acquistato on line sul sito:
www.antiquaresedizioni.it
Harry di Prisco

Nasce a Bari il primo ristorante con gli Nft: From Bontà da tutta Italia sbarca nel Web 3.0

From Bari Primo Ristorante NFTNasce a Bari il primo ristorante con gli Nft:
From Bontà da tutta Italia sbarca nel Web 3.0

Su Viale Einaudi, oltre alle unicità enogastronomiche derivanti da tutta Italia, sarà possibile sperimentare
la tecnologia NFT per avere accesso alla community We From.

«Vogliamo sperimentare un nuovo modo di comunicare l’enogastronomia attraverso aspetti artistici e innovativi» – spiega l’amministratore di From, Davide Stucci. «Siamo partiti nel 2020, attraverso un’attenta ricerca di materie prime di ottima qualità, provenienti da tutte le regioni d’Italia – continua Davide Stucci – e abbiamo voluto creare un nuovo modello di ristorante fusion all’italiana, che mescola piatti tipici delle varie tradizioni regionali del nostro paese».
Secondo Antonio Prota, vision manager dell’NFT Lab, sarà «un innovativo modello di mercato con lo scopo di creare un ecosistema digitale aperto e decentralizzato di nuova generazione, in cui il food favorisce anche la diffusione tecnologica e artistica».

Ufficio Stampa From – Bontà da tutta Italia
Per info: +39 348 670 0289
Mail: a.leone@onedigit.it – ufficiostampa@from-italia.com
Link: We From – FROM ITALIA (from-italia.com)

By Vel alla settimana della moda a Milano

1-2By Vel alla settimana della moda a Milano
Su piattaforma FashionVibes
22 febbraio ora italiana 18.00
e in presenza
alla Società Umanitaria
28 febbraio ore 19.00

Riparte la Moda a Milano e stiamo assistendo a un forte interesse per i marchi luxury a investire nel kidwear, protagonisti dei percorsi stilistici i temi della sostenibilità, dal packaging, agli abiti, alle calzature, che non è un trend ma una inversione di tendenza. Soprattutto chi, vestendo i più piccoli è abituato a pensare al loro futuro.

Il 22 febbraio 2022, ora italiana 18.00, il brand ucraino By Vel presenta la sua nuova collezione BY VEL ^^(1)nell’ambito della Settimana della Moda a Milano sul portale Web Fashion Vibes Dopo aver presentato in anteprima via web la collezione il 22 febbraio, alle ore 18.00 su Piattaforma Fahion Vibes, il 28 febbraio 2022 alle ore 19.00 il brand ucraino By Vel presenta la sua nuova collezione nell’ambito della Settimana della Moda a Milano nello splendido Salone degli Affreschi della Società Umanitaria.

IDEA
Con Elsa Fairy Dresses si da il benvenuto alle tonalità allegre, ai colori shocking, ai contrasti cromatici fra colori, l’inverno si veste di colore, lasciando i toni seriosi invernali, la sorprendente gamma di colori proposti e le loro sfumature sembrano trasportare i bimbi in ambienti primaverili, imprimendo un gusto no season e no color alla moda all’insegna della bella stagione e della gioia di vivere e del buonumore.
_DSC1779 (1)I capi maschili del brand rappresentano una linea di completi che si distinguono per essenzialità, moderazione, pezzi multistrato e forma libera. Lo stile di By Vel è un insieme di dettagli complessi, decori non convenzionali, pizzo e particolari realizzati a mano.

SILHOUETTE
Le silhouette di questa collezione sono inusuali date dall’ accento particolare delle voluminose maniche con volant all’altezza delle spalle.

MATERIALI
Questa collezione che si presenta come un’esplosione di dettagli, pizzo, colori, frange, eco pelliccia, piume, tessuti a rete, è caratterizzata dall’importanza che hanno le spalle BY VEL - Copiavoluminose nella silhouette, tutte caratteristiche che affiancano un’accurata attenzione stilistica e la ricerca continua di nuove soluzioni, infatti alla base di ogni capo il brand utilizza tessuti naturali come cotone e viscosa, morbida rete e pizzo a cui si uniscono tulle e flock, ormai diventato indiscutibilmente l’elemento distintivo della collezione.

PALETTE CROMATICA
La gamma di base della collezione contribuisce a dare un impronta glam e romantica, includendo tonalità calde di beige, color pesca e il bianco milk, con tonalità nuove di giallo acceso e di un delicato azzurro. Inoltre, vicino ai colori tenui spicca, in contrasto, l’audacia del nero.

press.fashionvibes@gmail.com www.fashion-Vibes.com
Web www.by-vel.com/ Instagram: @by_vel Email: velyurchenko@gmail.com Tel: +380660206351

Alla settimana della Moda di Milano non è tardi per essere felici

MININA^ (1)Alla settimana della Moda di Milano non è tardi per essere felici

10° Edizione Fashion Vibes Milano
Società Umanitaria 28 febbraio
Via San Barnaba 48 ore 19.00

La Settimana della Moda 2022 a Milano, città nota nel mondo del fashion per l’estro di altissimo livello,  si pone come punto di partenza di una campagna dove brand e aziende presentano le prossime collezioni FW 2022/2023.
Fashion Vibes Milano, alla sua decima edizione, ritorna alle sfilate in presenza per continuare a celebrare l’ impegno verso una generazione di talentuosi designer che, da molto tempo, segue e supporta rappresentativa di come stia evolvendo la nuova generazione di talenti, un vero segno del cambiamento dei tempi, e SALEH ZINInello splendido Salone degli Affreschi della Società Umanitaria alle ore 19.00 con le sfilate Donna dei designer Wanda Lephoto, Minina e Saleh Zini e seguire la linea Bimbo di By Vel, Elsa Fairy Dresses e Sovana
La Linea Donna con le sfilate di  Minina, Wanda Lephoto e Saleh Zini.
Wanda Lephoto propone una collezione molto interessante dove il soggetto principale è l’Africa,  presentando la fusione culturale di due mondi riferendosi al periodo della colonizzazione inglese, un ponte ideale tra passato e presente, che pone l’attenzione al futuro utilizzando la moda come cultura, tradizione, identità, approcci africani con sfumature internazionali.
Altro   Brand che offre un’ottica diversa è  Saleh Zini, la celebrazione dell’arte della seduzione e della eleganza in fit che hanno il potere di sospendere il tempo, abiti WANDA LEPHOTO ^(1)leggeri, avvolti in tessuti naturali, all’insegna della consapevolezza e il rispetto per l’ambiente, la sartorialità rivisitata in gesti giocosi dove tessuti e trame tradizionali come pizzo, raso, seta, tulle, georgette si mixano al concetto di stile sofisticato ed elegante che oggi sembra ormai quasi dimenticato.
In passerella la collezione  di Minina e la sua collezione impostata totalmente sull’uso del lino bielorusso per creare i suoi abiti da sposa. Oggi Minina usa questa fibra, la cui coltura risale a circa 5000 anni fa,  trattando il lino in maniera moderna, trasmettendo il fascino del tessuto per il magico mondo del wedding,  nei suoi magnifici abiti da sposa, prendendo spunto dal romanticismo dei giardini della sua Regione pieni di fiori,  un innovativo uso del tessuto nobile, ma allo stesso tempo delicato, con un’anima, e che ha il sapore della cultura bielorussa.
BY VEL^A seguire By Vel, Elsa Fairy Dresses e Sovana
In scena il nuovo pattern per piccole donne e bimbi, l’outwear indiscusso protagonista della vita all’aria aperta, che unisce praticità e stile come una divisa contemporanea, la proposta per un viaggio  virtuale con la fantasia, la ricerca del tempo che, dopo la pandemia, vira verso capi confortevoli, meno “ingessati” e più versatili, da sfoggiare in casa, nel tempo libero  e a scuola come in smart working. L’affasciante parola d’ordine, semplificazione e fluidità, non solo nel nome ma anche nel formato della sfilata, che esprime l’urgenza di una ricerca costante di nuovi orizzonti, l’esigenza di attraversare i confini di genere e stile per approdare a linee estremamente originali e personali. Un cammino nello spazio e nel tempo, la doppia sfilata di By Vel, virtuale alle ore 18 del giorno 22 febbraio e in presenza il giorno 28, e quelle in presenza di Sovana e Elsa Fairy Dresses per una spumeggiante “scena musicale” fatta di colori e fantasia per una sfilata che ti rapisce, evocativa e poetica per bimbi che insegnano che non è mai tardi ELSA FAIRY DRESSES^per essere felici.
Sponsor dello stilista Wanda Lephoto sarà BULLDOG Gin, che provvederà anche ad organizzare il cocktail party al termine della sfilata.
Un ringraziamento ai media partner

Press&Comunicazione Fashion Vibes
IG @_fashionvibesmilano
www.fashion-vibes.com

Wanda Lephoto

21_04_04_Wanda1489Wanda Lephoto

Settimana della Moda 2022 a Milano

La collezione Wanda Lephoto®

Società Umanitaria 28 febbraio

Via San Barnaba 48 ore 19.00

Fashion Vibes Milano, alla sua decima edizione, ritorna alle sfilate in presenza per proseguire nell’ impegno verso una generazione di talentuosi designer che, da molto tempo, segue e supporta e organizza l’evento nello splendido Salone degli Affrreschi della Società Umanitaria alle ore 19.00 con le sfilate Donna dei designer Wanda Lephoto, Minina e Saleh Zini e seguire la linea Kidwear.

06Wanda Lephoto®: siamo un brand in evoluzione e siamo qui per raccontare la nostra storia. Con le nostre collezioni vogliamo mostrare un’idea di abito che fonde culture, tradizioni, identità e approcci africani con sfumature internazionali.

WL® è un Brand in continua ricerca e ed è anche una vera e propria filosofia che sta alla base dei materiali e dei prodotti di design del brand. Questo progetto si propone di guardare agli anni tra il 1850 e il 1994, periodo cruciale non solo per questa collezione, ma anche per la storia del Sudafrica.

Wanda Lephoto® si è ispirata all’impatto coloniale del popolo britannico sulla cultura del Sudafrica e di come la colonizzazione abbia riplasmato l’identità, la cultura e le tradizioni sudafricane. Gli anni tra il 1850 e il 1994 rappresentano anni di oppressione, soppressione e liberazione, non solo del popolo ma anche dei sogni.

WANDA LEPHOTOL’ impatto del colonialismo si individua sulle uniformi scolastiche utilizzate nelle scuole nere nelle township, in periferia, e nelle scuole bianche dei sobborghi, le uniformi della Chiesa come la ZCC (Zion Christian Church) e la chiesa Shembe, sottoculture come The Swenka e persino l’uso della lingua in espressioni come Scotch never dies, dies by mistake, lo scozzese non muore mai, muore per errore.

La collezione evidenzia il concetto di come la moda si è evoluta nel corso degli anni e come la fusione dei due mondi sia al centro della nostra identità attuale. Rigorosamente “fatta a mano” costituisce il mood con cui è costruita la maggior parte della collezione, look come “uniformi” del passato interpretati attraverso l’artigianato in un modo nuovo e attuale.

07La Collezione Autunno Inverno 2021 evidenzia, in maniera moderna, l’uniforme della Chiesa ZCC, rigorosamente realizzata in marrone cachi e un cappello marinaresco, derivata dall’abito Safari britannico, o come l’uniforme della Chiesa Shembe, realizzata in iBheshu – un lembo di pelle tradizionale Zulu indossato

Settimana della Moda 2022 a Milano

La collezione Wanda Lephoto®

Società Umanitaria 28 febbraio

Via San Barnaba 48 ore 19.00

Fashion Vibes Milano, alla sua decima edizione, ritorna alle sfilate in presenza per 21_04_04_Wanda0239proseguire nell’ impegno verso una generazione di talentuosi designer che, da molto tempo, segue e supporta e organizza l’evento nello splendido Salone degli Affrreschi della Società Umanitaria alle ore 19.00 con le sfilate Donna dei designer Wanda Lephoto, Minina e Saleh Zini e seguire la linea Kidwear.

Wanda Lephoto®: siamo un brand in evoluzione e siamo qui per raccontare la nostra storia. Con le nostre collezioni vogliamo mostrare un’idea di abito che fonde culture, tradizioni, identità e approcci africani con sfumature internazionali.

WL® è un Brand in continua ricerca e ed è anche una vera e propria filosofia che sta alla base dei materiali e dei prodotti di design del brand. Questo progetto si propone di guardare agli anni tra il 1850 e il 1994, periodo cruciale non solo per questa collezione, ma anche per la storia del Sudafrica.

WANDA LEPHOTO ^(1)Wanda Lephoto® si è ispirata all’impatto coloniale del popolo britannico sulla cultura del Sudafrica e di come la colonizzazione abbia riplasmato l’identità, la cultura e le tradizioni sudafricane. Gli anni tra il 1850 e il 1994 rappresentano anni di oppressione, soppressione e liberazione, non solo del popolo ma anche dei sogni.

L’ impatto del colonialismo si individua sulle uniformi scolastiche utilizzate nelle scuole nere nelle township, in periferia, e nelle scuole bianche dei sobborghi, le uniformi della Chiesa come la ZCC (Zion Christian Church) e la chiesa Shembe, sottoculture come The Swenka e persino l’uso della lingua in espressioni come Scotch never dies, dies by mistake, lo scozzese non muore mai, muore per errore.

00La collezione evidenzia il concetto di come la moda si è evoluta nel corso degli anni e come la fusione dei due mondi sia al centro della nostra identità attuale. Rigorosamente “fatta a mano” costituisce il mood con cui è costruita la maggior parte della collezione, look come “uniformi” del passato interpretati attraverso l’artigianato in un modo nuovo e attuale.

La Collezione Autunno Inverno 2021 evidenzia, in maniera moderna, l’uniforme della Chiesa ZCC, rigorosamente realizzata in marrone cachi e un cappello marinaresco, derivata dall’abito Safari britannico, o come l’uniforme della Chiesa Shembe, realizzata in iBheshu – un lembo di pelle tradizionale Zulu indossato per secoli a coprire le regioni inferiori del corpo maschile – viene indossata con una camicia bianca, una cravatta stretta e un blazer, tradizione mantenuta in vita per quasi 100 anni da quando gli inglesi arrivarono in Sudafrica.

press.fashionvibes@gmail.com www.fashion-Vibes.com Web www.wandalephoto.com Instagram: @wandalephoto

per secoli a coprire le regioni inferiori del corpo maschile – viene indossata con una camicia bianca, una cravatta stretta e un blazer, tradizione mantenuta in vita per quasi 100 anni da quando gli inglesi arrivarono in Sudafrica.

press.fashionvibes@gmail.com www.fashion-Vibes.com Web www.wandalephoto.com Instagram: @wandalephoto

Una ventata di gioia alla settimana della moda 2022 a Milano

BY VEL^Una ventata di gioia alla settimana della moda 2022 a Milano

28 febbraio ore 19.00
Salone degli Affreschi della Società Umanitaria

La Settimana della Moda 2022 a Milano si pone come punto di partenza della campagna di presentazione delle prossime collezioni FW 2022/2023 per la maggior parte di brand e aziende nel settore della moda.
Fashion Vibes Milano, alla sua decima edizione, ritorna alle sfilate in presenza per continuare a celebrare l’impegno di una nuova generazione di talentuosi designer che, da molto tempo, segue e supporta. L’evento che si terrà alle ore 19.00 del 28 febbraio nello splendido Salone degli Affreschi della Società Umanitaria sarà, appunto, rappresentativo della ventata di cambiamento portata nel settore della moda da nuovi e giovani talenti: in passerella, sfileranno le collezioni ELSA FAIRY DRESSES^Donna dei designer Wanda Lephoto, Minina e Saleh Zini e, a seguire, le linee Bimbo firmate By Vel, Elsa Fairy Dresses e Sovana.

La Linea Donna con le sfilate di Minina, Wanda Lephoto e Saleh Zini

Wanda Lephoto propone una collezione molto interessante la cui protagonista è l’Africa: alla luce della fusione culturale di due mondi avvenuta in seguito alla colonizzazione inglese del Sudafrica, questa collezione è un ponte ideale tra passato e presente che guarda al futuro, sottolineando il ruolo che la moda possiede in termini di cultura, tradizione e identità, secondo un approccio africano dalle sfumature internazionali.

SALEH ZINILe creazioni di Saleh Zini sono la pura celebrazione dell’arte della seduzione e della vera eleganza. Abiti leggeri in tessuti naturali, all’insegna della consapevolezza e del rispetto per l’ambiente. L’antica arte della sartoria si pone al servizio della creazione di pezzi moderni dove tessuti e trame tradizionali come pizzo, raso, seta, tulle e georgette, si mescolano in uno stile sofisticato, elegante e senza tempo.

Calcherà la passerella anche il tradizionale lino bielorusso degli splendidi abiti da sposa di Minina. La stilista utilizza questa preziosa fibra, la cui coltura risale a circa 5000 anni fa, trattando il lino con tecniche moderne e infondendo nel fascino di questo tessuto i suoi magnifici abiti da sposa: alla base delle creazioni di Minina vi sono il romanticismo dei giardini floreali della regione di origine della stilista e un innovativo e delicato uso di un tessuto nobile che è la perfetta espressione della cultura bielorussa.

SOVANA^A seguire By Vel, Elsa Fairy Dresses e Sovana

Il nuovo stile dei più piccoli è caratterizzato da un outwear che unisce praticità e stile. Laddove la fantasia dei bambini si esprime al meglio nei dettagli, la ricerca delle forme – specialmente dopo la pandemia – vira verso capi confortevoli, meno “ingessati” e più versatili, da sfoggiare anche in casa, nel tempo libero e a scuola. I concept fondamentali, semplificazione e fluidità, si ritrovano anche nel formato della sfilata, che esprime l’urgenza di una ricerca costante di nuovi orizzonti, l’esigenza di attraversare i confini di genere e stile per approdare a linee estremamente originali e personali, quanto pulite e semplici. Un cammino nello spazio e nel tempo, la doppia sfilata di By Vel, virtuale alle ore 18 del giorno 22 febbraio e in presenza il giorno 28, e quelle in presenza di Sovana
ed Elsa Fairy Dresses, per una spumeggiante “scena musicale” fatta di colori e fantasia, evocativa e poetica, in cui grazie ai bambini ci ricorderemo che non è mai tardi per essere felici.

Sponsor dello stilista Wanda Lephoto sarà BULLDOG Gin, che provvederà a organizzare il cocktail party al termine della sfilata.

Press&Comunicazione Fashion Vibes
IG @_fashionvibesmilano
www.fashion-vibes.com

I consigli di Patrizia Pellegrini naturopata ® Quando il Natale ti regala qualche chilo di troppo

cmminare-nella-naturaI consigli di Patrizia Pellegrini naturopata ® Quando il Natale ti regala qualche chilo di troppo

Il Natale 2021 ci è sembrato un bollettino di guerra alle TV, dosi e vaccini, green pass e chiusure, numeri, siamo stati rincretiniti dalla comunicazione, dal Covid, dal Natale a numero contingentato, e intanto si prendono chili, si mangia, siamo stanchi e il grasso ci riempie anche il cervello, la mente……. I pranzi e le cene luculliani del periodo natalizio si sono conclusi con un incremento medio giornaliero di 1500 Kcal a persona che corrispondono, all’incirca, ad un introito doppio rispetto al fabbisogno medio dell’individuo. L’obesità è un rischio importante per le malattie cardiovascolari, per la sindrome metabolica, per la steatosi epatica e per i tumori.

Ed è per questo che si deve stare attenti a non accumulare grasso, soprattutto in un periodo come quello in cui stiamo vivendo, dove le restrizioni dovute al controllo della patrizia pellegrini naturopatadiffusione del contagio del Coronavirus ci costringe più tempo a casa.
Come in ogni regime detossinante che si rispetti, l’acqua è la protagonista principale. Seguono a ruota verdura (tanta), legumi, pasta e cibi integrali. Le proteine? Poca carne ma via libera a sushi e tofu.

Prima regola, bere a digiuno e prima dei pasti due bicchieri d’acqua prima di colazione, pranzo e cena. Uno a metà mattina e uno a merenda. Otto al giorno, sempre a stomaco

Two young ladies with backpacks walking through green tropical meadow

Two young ladies with backpacks walking through green tropical meadow

vuoto. Una delle principali funzioni dell’acqua è quella di drenare, agevolando quindi l’eliminazione delle tossine e delle scorie, oltre ad essere saziante. La regola degli otto bicchieri da distribuire nell’arco della giornata prima della colazione, del pranzo, della merenda e della cena, ci permette di raggiungere il senso di sazietà molto più rapidamente durante il pasto attivando quel processo metabolico chiamato termogenesi che aiuta a dimagrire.

Anche il peso aumentato durante le feste è causato dal glicogeno.
L’aumento del peso corporeo in questi giorni di festa a tavola è causato da una reazione cellulare: aumento del glicogeno nei muscoli e nel fegato.
Il glicogeno si forma dal glucosio alimentare, derivato dalla dose giornaliera di carboidrati alimentari. Il glicogeno costituisce la riserva glucidica depositata nel fegato, necessaria soprattutto per il cervello, organo che utilizza solo il glucosio come sua base energetica per funzionare. Il glicogeno si deposita anche nei muscoli.
Il fegato pensa a fornire energia soprattutto al cervello mandando a questo organo almeno 100 grammi di glucosio al giorno.
I muscoli assorbono glucosio e non lo cedono, infatti mangiare alimenti ricchi di carboidrati, come succede con i vari dolci delle feste, vuol dire accumulare glicogeno nel fegato e nei muscoli.

E qui scatta l’aumento di peso corporeo perché 1 grammo di glicogeno si lega con 2.7 grammi di acqua.
Cioè se noi accumulano 50 grammi di glicogeno, noi sommiamo a questi grammi 135 grammi di acqua circa. Abbiamo maggiore ritenzione idrica in questo periodo.
Eliminando il glicogeno, viene eliminato anche l’eccesso di ritenzione idrica facendo diminuire il peso corporeo.

Se facciamo attività aerobica o iniziamo a camminare eliminiamo prima la dose di glicogeno natalizio e di fine-inizio anno recuperando il giusto peso.
Possiamo farci aiutare da un esperto perché anche “saper camminare bene” è “cultura” che affido a Luca Cucchi, posturologo e istruttore Fidal di Fitwalking specialista in Biomeccanica, mettendo in evidenza come oggi l’attività fisica è gestita dai laureati in scienze motorie che hanno il training adatto per prescrivere attività fisica, come un farmaco, ma la dose è diversa da persona a persona e deve essere valutata dal medico.
E’ indispensabile camminare per stare bene… La natura ti accoglie, i pensieri volano liberi e le preoccupazioni più pesanti si sciolgono. La decisione è di vincere la pigrizia, ti guardi intorno e vedi un mondo diverso, anche in inverno la natura è bellissima, il cuore batte più forte, ascolti il tuo respiro che cresce, e mentre lo ascolti, un passo dietro l’altro, non pensi alla distanza della meta, ma pensi che puoi farcela, uno, due, tre, quattro passi e poi dieci, cento, mille…
La vita è un percorso, spesso pieno di ostacoli, ma è una fortuna e un dono quello di poterlo percorrere.
Press: Cristina Vannuzzi

Patrizia Pellegrini, Naturopata, Bioterapeuta Nutrizionale®
mail.patriziapellegrini@gmail.com- cell 3339995532
www.patriziapellegrini.com

Tutti i mercoledì l’associazione DOVRA a disposizione delle donne che subiscono o hanno subito violenze

dvora ancora alla scalaTutti i mercoledì l’associazione DOVRA a disposizione delle donne che subiscono o hanno subito violenze

Nata nel 2015, l’associazione D.V.O.R.A. (Donne Volontarie Operative Richiesta Aiuto) offre a titolo gratuito prestazioni medico-estetiche e consulenze in merito al benessere psicofisico, in aiuto delle donne vittime di abusi o maltrattamenti. Un appuntamento che si rinnova per tutto il mese di dicembre ogni mercoledì (dalle 15 alle 17) presso gli studi della dottoressa Dvora Ancona di Milano (Via Turati 26 – telefono 02.5469593).

“La nostra associazione si occupa di aiutare le donne vittime della violenza – spiega la Presidentessa dell’associazione Dvora Ancona – Dopo tanti anni di lavoro, ho pensato di mettere a disposizione la mia professionalità e la mia esperienza per aiutare le donne a sentirsi meno fragili. Con l’utilizzo di mezzi non chirurgici quali laser, radiofrequenze ed altre soluzioni non invasive senza l’utilizzo del bisturi si eliminano i segni delle violenze subite, eliminando la tristezza e la sofferenza dal volto di chi ha sofferto in maniera indicibile, in modo da ricominciare una nuova vita con il sorriso”.

Mai come in questa fase storica, l’aiuto di D.V.O.R.A. risulta attuale ed opportuno.

Associazione Dvora
Via Turati 26 – Milano
Telefono 02.5469593

Daniele Spadaro (addetto stampa – tel.335/6262260)

info@spadaronews.com